Todd Lockwood: quando la fantasia diventa arte.

Ho letto molto negli ultimi due mesi, nella stanza c’è una pila di romanzi che dovrei recensire per la Loggia. Sono consapevole che non potete fare a meno delle mie fantastiche recensione (sto scherzando ovviamente…), che siete in astinenza di consigli letterari, ma questa mattina mi sono svegliato con qualcosa che mi premeva nella testa. Tranquilli, mi sono guardato allo specchio e non ho un chiodo piantato nella nuca e, anche se ieri notte con i compagni di aikido mi sono scolato un litro di Riegel, non ho postumi di una sbornia. Allora, stavo dicendo “una cosa nella testa”… ho questa idea di creare una nuova rubrica, voglio parlare di quei personaggi il cui tasso di figaggine supera il 200%, le vere leggende del mondo fantastico. Basta chiacchiere, Lanzetta.

Il primo nome? Here we go.

Probabilmente mentre stavate giocando con amici vi è capitato di soffermarvi ad ammirare le carte di Magic: l’Adunanza, oppure le cover dei manuali o del materiale di Dungeon & Dragons, e vi siete chiesti chi fosse l’autore di quei disegni mozzafiato. Fermi tutti, ve lo presento io: Mr. Todd Lockwood.

lockwood

Originario di Boulder, Colorado, Mr. Lockwood è cresciuto all’ombra delle Rocky Mountains nutrendosi di Science Fiction e Fantasy, giocando di ruolo e disegnando, soprattutto disegnando. Todd inizia da bambino a dedicarsi all’arte, consumando punte di matite e fogli di album nel tempo libero. Il disegno è la sua passione principale, influenza la sua vita e i suoi studi. Laureatosi nel 1981 presso il Colorado Istitute of Art di Denver con la vincita del “portfolio par excellence”, ha iniziato a lavorare nel campo della pubblicità. Ha passato i successivi vent’anni lavorando duramente in una relativa oscurità, disegnando etichette per scatolette di cibo di marche non note, distribuzioni di poco conto, ed altri lavori che lo hanno fatto sentire “mind-numbingly boring” – annoiato, con la mente intorpidita. L’anno della svolta è il 1994: Todd partecipa alla sua prima Science Fiction and Fantasy convention, a Winnipeg, nel Canada, nel tentativo di entrare in contatto con qualcuno che gli potesse commissionare lavori importanti. Nel 1996 riesce a trovare impiego nello staff della TSR, la compagnia che a quel tempo pubblicava il popolare gioco di ruolo fantasy Dungeons & Dragons. Nel 1997, la Wizards of the Coast acquista la TSR e i suoi marchi; Todd si trasferisce quindi con la famiglia nello stato di Washington, dove ha continuato a lavorare alla linea dei prodotti D&D e al gioco di carte collezionabili Magic: l’Adunanza. Nel 1999, ha collaborato alla ridefinizione dell’estetica di Dungeons & Dragons nel suo passaggio alla Terza Edizione. Nel 2002, dopo l’acquisto della Wizards of the Coast da parte di Hasbro, Todd è ritornato ad essere un freelance.

Ma Lockwood non è solo giochi da tavola. I suoi disegni sono stupendi, i colori sono vivi e i soggetti da lui ritratti sembrano animarsi. Questo lo sanno benissimo gli appassionati di Forgotten Realms, ma soprattutto di R. A. Salvatore, scrittore fantasy americano per i cui romanzi Todd ha disegnato le copertine, e che copertine…

Si può praticamente dire che se alcuni personaggi della letteratura fantasy sono diventati dei miti è soprattutto perchè Lockwood ha dato loro un volto, un aspetto, rispettando fedelmente le descrizioni dell’autore. Un esempio sopra tutti, Drizzt Do’Urden, il drow, l’elfo scuro fuggito da Menzoberranzan, il mondo di crudeltà e violenza in cui è nato e cresciuto. Questo fantastico artista non ha collaborato però solo con R. A. Salvatore. Sono molti infatti gli autori americani che hanno avuto il piacere d’essere “illustrati” da Lockwood, da scrittori sconosciuti in Italia ad altri invece, come Terry Brooks, che hanno scritto pagine di storia del fantasy moderno.

Mentre scrivo questo post, guardo le tavole di Lockwood del suo portfolio online e sono quasi incantato. Vorrei riportarvi quelle che mi sono piaciute di più, ma è difficile scegliere. In effetti, guardando l’orologio, mi sono appena accorto d’aver passato delle ore a fissare i suoi disegni, sbavando:

Drizzt Do'Udern contro gli Orchi

Drizzt Do’Udern contro gli Orchi

threshold

Shannara: The Witch Wraith

Shannara: The Witch Wraith

Entreat the Angels

Entreat the Angels

Mongoose

Il sito è ricco di contenuti, la sua galleria lascia a bocca aperta e, se siete curiosi, vi consiglio di dare uno sguardo alle sue nuove tavole: qui.

Ho scambiato qualche battuta con Mr. Lockwood, siamo “amici” di facebook, ed è una persona molto semplice, con un umorismo intelligente, una cosa rara nel mondo degli artisti, dove si fa a gara a chi se la tira di più. Lockwood è una creatura speciale, proprio come i soggetti delle illustrazioni. La sua non è testa, ma uno scrigno che preserva un’immaginazione vivida, visionaria. Il talento da solo però non basta e questo Todd lo spiega nella faq della sua homepage: è necessario studiare, impegnarsi, acquisire quelle competenze tecniche che permettano d’esprimerti al meglio e diventare il migliore.

Già, il migliore. Lasciatelo dire Todd, il consiglio che ora passi ai nuovi illustratori con te ha funzionato alla grande. Tu sei una leggenda.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...