Aspettando Elysium

Immaginate come potrebbe essere la Terra del futuro, in bilico tra disparità sociali, problemi economico-ambientali (in effetti, come la Terra dei nostri giorni, ma il tutto più amplificato), e poi prendete alcuni degli insegnamenti di autori maestri della fantascienza, tipo non so… Heinlein, Dick o Haldeman. Beh, considerate tutta questa roba, moltiplicatela per dieci, e otterrete il nuovo film di Neill Blomkamp (regista di District 9), una pellicola che arriverà nelle sale italiane il prossimo settembre. Non ne avete sentito nulla in giro? Forza ragazzi, aprite le orecchie, anzi gli occhi. Oggi vi parlo di Elysium.

elysium_cover_u

Trama: Anno 2154. La nostra società è composta da due classi: i benestanti che vivono su una fantastica stazione spaziale costruita dall’uomo e chiamata Elysium, e il resto della popolazione che sopravvive in un sovrappopolato e disastrato pianeta Terra. Queste persone sulla Terra sono disperate, vorrebbero fuggire dal crimine e dalla povertà dilaganti. Inoltre, hanno un drammatico bisogno di cure mediche disponibili soltanto su Elysium. Purtroppo, sulla stazione orbitante le legge anti-immigrazioni e le forze in atto per preservare il lussuoso stile di vita dei propri cittadini sono rigide. L’unica persona che ha qualche possibilità di portare equilibrio tra questi due mondi è Max (Matt Damon), un uomo ordinario con un disperato bisogno di entrare ad Elysium. Con la vita appesa ad un filo, Max dovrà suo malgrado affrontare una missione pericolosissima che lo vedrà ostacolare il Segretario di Elysium Delacourt (Jodie Foster) e le sue forze armate. Eppure, se Max riuscirà a trovare un varco, potrebbe non soltanto salvare la propria vita ma anche quella di milioni di abitanti del pianeta Terra.

elysium

Dopo aver sbavato nel multisala con Oblivion, torno a sognare grazie a un nuovo film. Il 2013 si candida a essere l’anno della fantascienza: i produttori cinematografici mostrano sempre più interesse verso tematiche proposte, a partire dagli anni cinquanta, dalla letteratura di genere, attirando appassionati e non. Per quanto ancora i miei tanto amati pseudo-intellettuali del cazzo arriccino il naso davanti a tutto ciò che irreale, visionario e non-trendy da essere ammesso nei circoli culturali, la fantascienza ha molto da insegnare. La mente è aperta a innumerevoli prospettive e scenari, così vasti che se mi fermo per un attimo a riflettere, a leggere i giornali, o semplicemente a guardarmi intorno, trovo svariati spunti da cui si potrebbero costruire universi e storie diverse. La nostra società è in continuo cambiamento (soprattutto in peggio), l’umanità si sta evolvendo sotto alcuni aspetti e, come sempre, il futuro resta un’incongnita.

Elysium.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...