Destiny: quando la fantascienza incontra i videogames

Per molti di voi forse il nome Bungie non dice nulla di nuovo, ad altri invece basta leggerlo in giro per sgranare gli occhi dalla felicità. Bungie, il no plus ultra della nerdaggine informatica, un gruppo di menti visionarie che, partite da uno scantinato polveroso di Chicago nel 1991, sono riuscite a penetrare con la loro genialità milioni di salotti nel mondo, facendo vivere ai videogamers esperienze di gioco e di divertimento unico.

Bungie è la software house creatrice di Halo.

halo-reach

Dopo aver rivoluzionato l’universo degli sparatutto con Halo, il famoso titolo fantascientifico lanciato da Microsoft su Xbox, la Bungie torna a colpire, e questa volta lo fa sviluppando un gioco che offrirà ai players un’esperienza sociale innovativa su console, grazie alla possibilità di vivere la propria avventura da soli o con i propri amici, in un universo vivente e connesso 24 ore su 24.

Amici, tutto questo è Destiny.

Ambientato in un remoto futuro, il giocatore impersonerà un Guardiano, uno dei soldati che abitano la Torre all’interno della Città, l’ultimo avamposto rimasto sulla Terra; quando l’umanità si è lasciata alle spalle la così detta Età dell’Oro, un periodo di eccezionali progressi tecnologici e colonizzazione spaziale a cui sono seguite devastanti catastrofi. Il sistema solare, infatti, si è popolato di nemici sempre più numerosi e potenti, l’uomo viene decimato e solo grazie all’intervento del gigantesco Viaggiatore i pochi sopravvissuti riescono a ritirarsi all’interno delle mura della Città. Dall’alto della Torre, sovrastato dalla misteriosa sfera che protegge l’avamposto sottostante, il giocatore partirà per affrontare le minacce che popolano il nostro e gli altri pianeti che girano attorno al Sole.

Destiny è paragonabile a un’ambiziosa saga letteraria: ogni uscita del gioco avrà un proprio arco narrativo, con eventi autoconclusivi unici, ma tutte assieme racconteranno una storia più grande ideata per durare anni. Anziché una singola minaccia finale sulla quale insistere nel tempo, Joseph Staten, premiato scrittore da anni in forza a Bungie, e i suoi stanno lavorando su una complessa mitologia che renda l’idea di una civiltà sotto assedio, minacciata da diverse forze distinte. Non ci resta altro che attendere quindi e avere fede.

Se volete seguire da vicino le fasi di sviluppo del gioco, vi rimando alla relativa pagina facebook:

Be Brave!

Destiny is waiting for you.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...