Gaming Stuff: Defiance.

Una volta lessi da qualche parte che la personalità di un adulto è profondamente influenzata da eventi o esperienze vissute durante l’infanzia. Giusto! In effetti, se ci penso bene, a sette anni mi è capitata una cosa che ha segnato per sempre la mia esistenza: l’acquisto della prima console. Si chiamava ATARI 2600, funzionava a cartucce, ed è stata una console di successo, messa sul mercato nel 1977, con oltre 30 milioni di esemplari venduti nel mondo. Da quel giorno ho capito che la televisione nella mia stanza serviva solo a una cosa: giocare a Space Invaders.

Space_Invaders_by_joeadonis

Maledetti alieni, mi sono sempre stati sulle balle, più ne ammazzavi e più tornavano e ora, a distanza di secoli, non ho ancora smesso di combatterli. La tecnologia nel frattempo è cambiata, l’innovazione dell’hardware mi ha permesso di prolungare questa “guerra eterna” (citando lo stupendo romanzo di Joe Haldeman), passando dai quadratini monocromatici alle violente battaglie in full hd con la mia Xbox 360. I miei pollici stavano fremendo, le mani mi tremavano come un veterano del Vietnam ammalato di Parkinson. La tentazione era troppo forte e alla fine ho ceduto, rispondendo all’ennesima chiamata alle armi dell’industria videoludica.

Ho acquistato Defiance.

Contemporaneamente all’uscite dell’omonima serie televisiva di fantascienza, che sarà trasmessa ad aprile in America dal canale SyFy, verrà lanciato il videogioco, uno sparatutto in terza persona ambientato sulla Terra in un remoto futuro. Sette diverse razze aliene, il cui sistema solare di provenienza è andato distrutto, sbarcano sul nostro pianeta in cerca di rifugio. Nonostante lunghe trattative con gli umani, una volta arrivati scoprono di non essere i benvenuti; determinati tuttavia a restare sul pianeta che pensavano potesse diventare la loro nuova casa, danno inizio a una durissima guerra che sconvolgerà il mondo intero. Poiché gli alieni sono dotati di tecnologie in grado di dare origine a processi di terraformazione, dopo decenni di battaglia la Terra è ormai quasi divenuta un nuovo pianeta. In tali circostanze, alieni e umani alla fine si decidono a cessare le ostilità e a focalizzarsi sulla reciproca sopravvivenza. L’ambientazione di carattere post-apocalittico sembra davvero interessante. Dal terreno sbucano gli hellbug, insetti giganti extraterrestri alla costante ricerca di cibo, mentre l’atmosfera è circondata dagli ark, le navicelle usate dai “marziani” per arrivare sulla Terra. Rimaste nell’orbita terrestre dopo essere state danneggiate da misteriose esplosioni, spesso tali navicelle precipitano sulla crosta terrestre, dando origine agli eventi detti arkfall: un veicolo caduto può nascondere preziose tecnologie aliene o spietati mostri pronti ad attaccare.

Fermi un attimo, non mandatemi a quel paese… è vero, il mercato è saturo di sparatutto fantascientifici, cloni dei famosi Quake e Unreal, ma Defiance non è solo un punta e spara, Defiance è un “third person shooter MMO”. Cazzo vuol dire? Ve lo spiego. La caratteristica MMO consente al giocatore di confrontarsi online con una moltitudine di utenti, ma allo stesso tempo comporta il fatto che l’universo narrativo si evolva anche mentre si è scollegati dal gioco: la storia, i personaggi e l’ambientazione mutano con il trascorrere del tempo, indipendetemente dalla presenza o meno del player. Insomma, una bella roba. Non c’è nulla di più divertente che interagire con migliaia di altre persone sedute nei salotti di casa propria. Per capire a cosa mi riferisco, guardate questa immagine presa direttamente dal multiplayer:

defiance multi

Se avete voglia di saperne di più, vi consiglio visitare il sito di Defiance. Ci vediamo in game, ragazzi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...